Convegno Nazionale dell’Orientamento

Seguici su e

Convegno Nazionale dell’Orientamento

Seguici su e

Smart Future Academy

Convegno Nazionale dell’Orientamento

L’Associazione Smart Future Academy realizza eventi di orientamento in tutta Italia al fine di supportare gli studenti nel trovare risposta alla fatidica domanda “COSA VUOI FARE DA GRANDE?”.

La crescente attenzione ad un orientamento di qualità da parte del mondo scolastico, delle istituzioni e del mondo del lavoro, impone il rafforzamento di un dialogo costruttivo tra le parti, nel rispetto dei relativi ruoli, per contribuire alla crescita umana e formativa delle giovani generazioni italiane; per queste ragioni l’Associazione Smart Future Academy, con la presenza del Ministro dell’Istruzione, Prof. Patrizio Bianchi, realizza il prossimo 1 ottobre 2022 a Brescia, presso il PalaLeonessa A2A, il 1° Convegno Nazionale dell’Orientamento.

L’esito dei lavori del Convegno consisterà nella “Carta di Brescia”,un documento di programma per una politica dell’orientamento lungo il percorso educativo dello studente.

L’evento è rivolto ai Dirigenti Scolastici, agli insegnanti, ai rappresentanti del mondo del lavoro e a tutti gli stakeholder interessati al tema dell’orientamento.

Progetto gratuito per le scuole e gli studenti grazie al sostegno di enti ed istituzioni, pubbliche e private

ISCRIVITI SUBITO

Obiettivo del Convegno

è di costruire consapevolezza sulla centralità dell’orientamento, inteso come processo articolato avente caratteristiche imprescindibili:

1.PERMANENTE E INTERATTIVO 

deve essere permanente: il paradigma è quello del Long Life Learning.

interattivo: la persona non è solo oggetto di orientamento ma soggetto coinvolto ed attivo.

2.SCIENTIFICO

scientifico: deve essere frutto di una progettazione ed una messa in atto su base scientifico/sperimentale.

3.MISURABILE

misurabile: la bontà di un processo di orientamento deve poter essere misurata: in questo modo sarà possibile attivare le eventuali correzioni per il miglior efficientamento.

4.CENTRATO SULLA VITA DELLA PERSONA

centrato sulla vita della persona e non solo sul superamento di Iter di studi o prove in funzione di capacità empirico-cognitive del soggetto; deve essere in grado di guardare alla persona per permetterle di orientarsi al suo futuro.

Come contribuire all'orientamento in Italia

DaI tre temi scelti dal Comitato scientifico deriverà la sintesi dei lavori con la proposta delle politiche di orientamento per il Paese.
Per ogni tema l'esperto selezionerà delle domande da porre al Ministro Bianchi.

Tema 1: “Quale tipo di orientamento”

I modelli dei processi esistenti e le possibili strade concretamente percorribili.

Tema 2: “Chi fa l’orientamento”

Quale deve essere il ruolo dell’operatore e con quale preparazione.

Tema 3: “Con quali strumenti”

best practice – colloquio della persona, presentazione di sé, i sistemi informativi.